El Dretto e Roverso

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 157 modifica]
El Dretto e Roverso


La xe pur dura (tra de mi diseva)
Un zorno solo non aver de ben;
Mi gnente me solleva,
I guai me se mantien,
5Se passo un dì co una disgrazia sola,
Me lico i dei, l’è grassa che la cola.
Le malattie xe spesse, e le me dura
Mesi coi mesi, e grazie alla natura
Quando stago benon
10Cammino co una gamba e col baston.
De bezzi no ghen parlo,
E tanto la partia
Xe scarsa in casa mia,
Che ladro no ghe xe cussì imprudente
15Che vegna a esporse, e no robar po gnente.
Scalda de mio mezzo campetto el sol,
Go un fià de tugurietto campagnol,
Un altro cittadin,

[p. 158 modifica]

Ma i xe sul canatin,
20Perchè se mai la rendita va mal,
I xe imbotta blocai dalla predial.
Fioi no gò, nè muger, ma gò qualcossa
Che a sto doppio malan corre al de sora;
La rendita xe scossa
25Tutti saldai no xe i doveri ancora,
Quelli che m’à da dar nessun me paga,
Gò un ragnetto amoroso, e che la vaga.
Tutte ste cosse fra de mi in confuso
Un dì diseva suso,
30E straco e refinio
Quando gà piasso a Dio
Da una dose de sonno visità,
I pensieri ha dà logo, e m’ò quietà.
Fra el sonno, oh maravegia!
35Me capita un putello
Bello come xe bello
Un anzolo del Cielo,
Con vezzi e sestolini
Veramente divini;
40Sto fantolin perfetto
Se mette sul mio letto,
E co modi da farse idolatrar
Scomenza sto putello a ragionar.

[p. 159 modifica]

“Pietà me move i casi
45Che tristi te circonda,
Che se no gh'è chi un animo
El più feroce sconda,
Nel vedarte a penar sempre cussì
deve alle curte lagremar per ti.
50M’à piasso visitarte,
Mi vogio consolarte,
Gò delle facoltà de far del ben,
Date un fià de coraggio, e co mi vien.”
Me par da là un secondo
55De trovarme de peso in altro mondo,
Me vedo in una sala
Montada in tutta gala
Confusi, e là buttai,
Co l’oro impastizai
60Xe i diamanti, le perle e le turchine,
Come nu tremo el sorgo alle galline.
Diversi camarieri
Ve fa i cerimonieri,
Se chiama uno Caprizio,
65Quell’altro Desiderio,
Spartio xe dal Giudizio
A tutti el ministerio
E delle galarie le chiave gà

[p. 160 modifica]

Madama Volutà.
70Su polesi de platino
Un pèr de porte cigola
Coverte da grisoliti,
Là drento mi me rodolo;
Co quel putello a latere
75Me vien concesso el comodo
De ben esaminar tutto a pontin
Avendo a fianco el mio Ciceroncin.
Quadri parlanti e bei,
De celebri penei,
80I muri tutti della stanza sconde,
Le figure xe tanto al natural,
Che se de moto no le fosse prive,
No ghe da dir, le passarìa per vive.
Sti quadri che ti vedi
85Me dise sto putello,
Xe tanti quadri della sorte umana.
Osserveli bel bello,
E in quello che ti credi,
E che ti amassi mai d’esser cambià;
90Parla liberamente, e mi son quà;
Ma quando el quadro ti à vardà per dretto
Vardelo nel roverso, e scegli ben
Quello che te convien,

[p. 161 modifica]

Per no far busi in acqua, e a to dispetto,
95Dalla sola apparenza lusingà,
Tornar pezo de prima un desgrazià.
L’occhio naturalmente
Sbrissa sul primo quadro,
Osservo un zovenotto
100Dai trenta ai vintiotto,
Vestido ricamente
E co stelle e co crose e co cordoni
Che ghe volea a contarle, oh sì minchioni!
I l’aveva dipinto a un tavolin
105Facendo sù per noja, oppur per spasso,
Castelletti de dopie e de dobloni,
E con quell’altra man sto fantolin
Fragnocolando li buttava abbasso.
No ghe ponto de dubbio, in quel momento
110Piasso a mi m’avaria quel cambiamento,
Ma prima de dir gnente el quadro ziro,
E me scampa un sospiro
Vedendo sto signor
In brazzo al malumor,
115Sempre mal fermo in pie,
Co cento malattie,
Lacerà dalla tema e dal sospetto,
Che qualche vena se ghe schiopa in petto,

[p. 162 modifica]

E scontento per fin de chi ghe dà
120L’incenso alla so maschia afinità.
Ho tirà dretto fra de mi disendo
Del mal ghè n’ò abbastanza,
E per mi non intendo
De zontarghene a quel che a mi me avanza.
125Un secondo quadretto
Me vedo dirimpetto;
Un zovene a una putta
Più bella assae che brutta
Pareva unirse, in matrimonio, allora;
130Pensandoghe un fià sora,
El quadro de voltar za no servia...
Ma ò ascoltà chi me stava in compagnia.
La lista spaventevole
De triste conseguenze
135Che produse sta union no finia mai.
I gera in abrezè tutti notai;
Ma la tela impenida a martelletto,
E forse troppo piccola a st’oggetto
Scondea quei guai che nasce tutto el zorno
140Drio la cornise che l’aveva attorno.
Manco che manco, digo a quel toseto,
No vogio sto paneto,
Anzi quanto più stago a calcolarlo

[p. 163 modifica]

No go denti, ben mio, da rosegarlo.
145Allegri al quadro terzo,
Cossa quel mai presentelo de belo?
Ho visto: dal cartelo
Questo xe un leterato, un omo doto
Che de gloria le vie corre de troto.
150Bravo dasseno! adesso mo vedemo,
E de lu el so roverso esaminemo.
Oh dio che diversivo!
Più morto assae che vivo,
L’è dalla fame, in mezzo al so lavoro…
155Halo cavà mo gnanca balla d’oro?
L’invidia lo assassina
La critica el rovina
E la fama lo aspetta al solo oggetto
De pubblicar che l’è morto de stento
160Sora un fasso de pagia, anzi che in letto.
Rifudo el so talento,
Nè vogio abilità, se non che quella
Che con qualche onestà
D’arzento fa fornir ben la scarsella.
165Osservemo anca el quarto, e se no trovo
Quello che me convien
Per vardar novi quadri, oh no me movo.
Rappresenta sto quarto un negoziante

[p. 164 modifica]

Che se mostra del trafego contento,
170El gà facende tante,
In mar de suo ghe qualche bastimento.
In credenza lu compra, e el vende a pronti,
Prova ch’el gà concetto al fin dei conti.
O questo in verità molto me piase,
175E se el da drio al davanti se combina
Putello no gò pase
Se marcante no son doman mattina.
Lo volto, e cossa vedo?
Quello che apena credo,
180Continui fallimenti
Protesti de cambiali,
Degradi de formenti,
Insoma mille mali,
Che se da questi un per va insieme unidi,
185Se crepa in pochi dì birbi e fallidi.
Dei quadri de Regnanti
Ho visto andando avanti,
Ma questi non essendo
Tagiai sul dosso mio,
190So presto tornà indrio
Savendo za qual sorte,
Va delle Regie a flagellar le porte.
Basta, go dito allora, amigo caro,

[p. 165 modifica]

In sta maniera vu m’avè insegnà
195Che al Mondo assae da raro
Felici veri no ghe n’è mai stà,
Nè continuo a vardar stà galaria,
Sperando che diversi i quadri sia.
Come perso de vista abbia sto fiol,
200Chi dirvelo mai pol?
So che da là un pochetto desmissià
M’ò trovà dall’insonio imbarazzà.
In calcoli m’ò messo,
E ho dito fra mi stesso:
205Quanti che ancuo par grandi all’apparenza,
Che un poco analizadi da vicin
A calarve sott’occhio i ve scomenza!
O quante volte o quante
sul stato soo se semena lamenti,
210Senza vardar da drio
Mille che xe con più rason scontenti.
Dai quadri visti in sogno,
Da quei che ho visto in fato,
No ho in seguito credù più tempo perso
215L’esaminar ognun dreto e roverso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_Dretto_e_Roverso&oldid=40671"