I bagni de Abano

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 464 modifica]

I BAGNI DE ABANO.


1La Libia a spalancà le so doane,
     E neto de gabele el caldo vien,
     Za la stagion sentir fa le fumane
     E a nu tropo vicin Febo se tien,
     Voi dir co tuta quanta sta secada
     Che la stagion d'istà xe capitada.

2Tropo desfortunai sentimentali
     Eco el tempo de far cure perfete,
     E nele onipotenti acque termali
     De trovar alafin salute e quiete;
     Chi ga dogie, e camina o strupio o zoto,
     Fazza dunque per Abano fagoto.

3Oltre a la sanità che vien promessa
     Da un rimedio de lusso, predicà
     Bon per tuti i malani, in quela istessa
     Dimora felicissima se ga
     Mile e mile aventure ogni qual trato,
     Che fa belo quel logo, o manco ingrato.

4E mi che tuto ò conossù l'impianto
     De un paese del qual son citadin,
     Perchè in quelo a la longa ho speso, e spanto
     Senza trovarghe ai mali mii confin,
     Libero posso dir la mia opinion,
     E de tuto formar la descrizion.

5Gh'è bataria de spuzze, e de vapori,
     Che tien opresso eternamente el fià,
     Gh'è fonteghi de reumi, e de dolori,
     D'erpeti, e de magagne in quantità,
     E va zirando altiero in quel paese
     L'ancuo cosmopolita umor francese.

[p. 465 modifica]


6E xe per lu ogni zorno carneval
     Mentre in mascara el corre ogni mumento,
     Ora el deventa dogia acidental,
     Vertigine, o fumana, o svanimento,
     0 gentilizio insulto, o mal contrato
     Da l'aria, da un patema, o da un contato.

7Ma nol cambia sostanza, e un ben acorto
     Medico mai no cambia medicina,
     E la raise americana a torto
     Squasi mai per combaterlo el destina,
     Che sussidiarla ben dai fanghi, e bagni,
     Certi la fa su quel umor guadagni.

8Nè i mali soli in mascara se mete,
     Ma chi xe da sti mali opressi ancora,
     E giusto un passatempo el se ripete
     Dai foresti che ariva ogni mezz'ora,
     E che apena lassadi i so paesi
     Là a intitolarse i vien conti, e marchesi.

9Xe quelo el logo dove impunemente
     Pol darse ton qualunque fìguroto,
     Dove che per mario passa el parente,
     Dove rico se crede anca el più roto,
     Dove la mantegnua passa per dama,
     Dove contessa una massera i chiama.

10Xe là dove se spende a larga man
     I titoli de conte, e de celenza;
     Conte xe el gato, xe celenza el can,
     Nissuno insoma va restar mai senza,
     E se ghe xe un sogeto anca abietissimo
     Tol su, savendo far, de l'ilustrissimo.

11Oh quanti credo per aver sto ben,
     Per esser patentai da un camarier,
     O i riva aposta, o molto i se tratien!
     E oh quante pur maestre nel mistier,
     De sconder chi le sia sinceramente,
     Trapola svelte l'inesperta zente!

12A proposito qua capita un caso,
     Che a un sedicente svelto è nato un dì,
     E del qual no saria sta persuaso
     Se no ghe fusse in parte entrà anca mi,
     Caso che molto ben tende a provar
     Quel che fin qua m'à piasso de contar.


13Gavea condoto a divertirse un toco
     Co mi una dogia che ò sposà da puto,
     Dogia che per averla ho speso poco,
     Ma che presto podeva costar tuto,
     Se per ridurla un fià manco insolente
     la Abano no andava, e prestamente.

14Là contentada in ogni so caprizio
     Carezzar la facea pien de premura.
     Là tisane, là bagni a precipizio,
     Là saroti, là fanghi, e là ogni cura,
     E credè pur, che frotole no scrivo,
     Go dà fin per quietarla arzento vivo.

15Ma dei mii sforzi mai ben sodisfada,
     Anzi più ingrata quanto più faceva,
     L'avaria mile volte abandonada.
     Ma el lassarla da mi no dipendeva,
     E intanto fra st'insulti, e sta insolenza
     Me predicava el sior dotor pazienza.

16Mentre co sta mia barbara compagna
     Parte facea d'una conversazion,
     Dove sempre qualcun gh'è che se lagna,
     Nè se canta de guai che la canzon,
     Un pocheto de spasso me procura,
     Una seconda mia nova aventura.

17Da fresco ai bagni capitada gera
     Una tal, co una vechia, e un zovenoto,
     E tuti tre che per la sola ciera
     S'avaria lucrà molto a far casoto,
     E la zovene mi za a prima vista
     L'ò stabilida una venal conquista.

18Da falsi, e boni aurei ornamenti opressa
     Più carne che vestiario espone in vista,
     Industre pompa che 'l mistier confessa
     De far de cuchi subito provista;
     La tira in rede co un saludo, e par
     Che la vogia l'amor ben trafegar.

19E questa vol el pien de la locanda
     Che de quel puto la consorte sia:
     Lodato Dio lassemola da banda,
     Za più tardi farò l'ispezion mia;
     Intanto so che per mario la 'l chiama,
     E che la vechia par che sia la mama.

[p. 466 modifica]


20Descriverò la mama: alta, e grassota
     Drento a un negro andriè tuta ravolta,
     Un viso longo, un viso da marmota,
     Ma che pur mostra de l' astuzia, e molta,
     Sacerdotessa favoria de baco,
     E corsara da soldi, e da tabaro.

21No passa minga quatro dì che un puto,
     Liga co tuti tre gran conoscenza;
     Beato de sta cossa el xe per tuto,
     E i se trata co tanta confidenza,
     Che i pareva stretissimi parenti,
     O da un secolo almanco conoscenti.

22L'amigo sempre più se scalda i feri,
     E quel'altro a mostrar va gelosia;
     La signora sospira, e in gran pensieri
     Chi ghe stasse a badar la credaria,
     E a la mama el dolor pesa cussì,
     Che no la disna che do volte al dì.

23Za el nostro gazzetin de la locanda
     Profetizzava una formal rotura,
     Za stava tuti co una smania granda
     De conoscer el fin de l'aventura,
     Quando se sente dir che 'l sior mario
     Partir deve per Bressa el zorno drio.

24I amalai a sta nova i se strassina
     Da una camera a l'altra, e i fa comploto,
     Tanto più, quando i sa che madamina
     De no moverse gnanca la dà moto,
     E che 'l mario, de la so mama in cura,
     Lassa per qualche dì quela creatura.

25Felice viazo, xe quel sior partio
     Dopo d'aver pregà per la so testa:
     Bacante d'alegrezza el puto mio
     Vede per lu che l'indoman xe festa,
     Se nol ga spini, e se la vechia in saco
     A conzegnarla val vin e tabaco.

26Za la note che in Abano aparisce
     Un'ora e mezza almanco avanti sera,
     Se la luse se perde, e se smarisce
     Dala pesante opressa atmosfera,
     Chiama, e rancura in t'un istesso sito
     Quel de carogne numero infinito.


27E za anca tuti a riposar s'à messo,
     Che mi in sfesa a la porta, e in sentinela
     Stago a vardar se 'l transito, permesso
     Da una camera a l'altra, abia la bela,
     E quando el xe verificà me meto,
     Tuto a osservar da un provido buseto.

28Musa con una toa cotola strazza
     Quel che ti credi più scondi prudente,
     E lassa el quadro che a vardar me fazza
     Nela parte che sia più concludente,
     Mentre za el resto per quel fià de mondo,
     Che m'ò acquistà, mi lo conosso a fondo.

29Ma l'afar va longheto, e ben comprendo
     Che la visita i aspeta de l'aurora,
     Co la qual sicurissimo facendo
     Marenda in prima, e sie parole ancora,
     Se mi stago a aspetar che sia finio
     Resto là duro fin al zorno drio.

30Su la fronte del zovene amoroso
     A l'indoman xe scrita la vitoria,
     La bela nel penar trova riposo,
     Xe la mama modesta in tanta gloria,
     La borsa, i cuori, e 'l conto d'ostaria,
     Pretende amor che in uno unidi i sia.

31Le cosse andava ben d'una maniera,
     Che megio andar no le podea sicuro,
     Quel' altro el se atendea da ancuo a stasera,
     E a nu veder premea quel muso duro,
     Quandochè in logo soo vien per espresso
     Un fogio a nome del mio amigo istesso.

32Eco parola più, parola manco
     Quelo che nel fatal fogio ghe giera:
     «Amico mio:... di posseder già stanco
     La bella, che passò per mia mogliera,
     E smorbato assai più d'una mamaccia
     D'ambo un regalo è giusto che vi faccia.

33Godetele buon uomo in santa pace,
     Che volentieri a voi tutte le dono,
     E se il tenerle troppo vi dispiace,
     Lasciatele partir, che avvezze sono
     A ramingar da scaltre, e tal che in fondo
     Le si ponno chiamar donne di mondo.»

[p. 467 modifica]


34Chi podarà mai dir la confusion
     De quele do castissime matrone,
     Chi la rabia, e 'l dolor del nostro adon,
     Che in presenza de trenta e più persone
     Guadagna del macaco a crepa panza,
     E infin da l'osto che una suma avanza.

35Ma l'amara ingiotir pilola toca,
     E quel conto saldar ch'à unido amor;
     El ga fogo ne l'ochio, e fogo in boca,
     El morsega, el biastema, el va in furor,
     Tanto più che per farlo capucin
     Gh'è de la mama un contesel de vin.


36Fato fagoto ecolo in posta presto,
     E direto no so per qual paese,
     Nè quele do colombe l'à volesto
     Dolente tropo dele fate spese,
     E madame vegnue con tanto lusso,
     Credo a caval le sia partie d'un musso.

37Da quela volta in qua se me vien fato
     De trovarme in sti loghi assae sospeti,
     Sempre avendo in memoria el caso nato
     Squadro nel viso ben tuti i sogeti,
     Naso se mai del vin sento l'odor,
     Giusto fra i titoladi, e fra l'onor.




Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845 (page 475 crop).jpg
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=I_bagni_de_Abano&oldid=41815"