Verxi el menu prinsipałe
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Se 'l lo protesta, el ciapa de birbante,
Ghe vien adosso i fulmini de Giove,
Se 'l ziga un poco e che no 'l fa 'l macaco,
Xe qualchidun che ghe minacia un paco.1

Lu xe sempre in lavor, o al pianoforte,
O in orchestra, col coro e co la banda.
O 'l prova che la luse no sia forte,
O che la scena no sia tropo granda,
O le comparse che no vadi storte,
O lampi o toni, tuto lu comanda!
El devi star atento e far la prova
Fin per posar un manego de scova.

Se 'l ga esigenze, se 'l ghe tien a l'arte,
Se 'l vol artisti e boni sonadori,
Le imprese e le agenzie lo lassa in parte
Disendo che 'l fa spender tropi bori.2
Se 'l aceta cussì le robe scarte,3
La stampa zerto no ghe buta fiori,
Cussì lu devi far l'economista
De una parte e de l'altra far l'artista!

St'altro che vien4 no se distaca tanto,
Per far el suo dover, da quel de sora
Senza acquistarse tanta gloria o vanto.
Xe un ometo che suda e che lavora,

  1. un paco, in questo senso, un rovescio di bastonate
  2. tropi bori, troppi quattrini
  3. scarte, scadenti
  4. st'altro che vien, è il maestro dei cori. Come si vede, la figurina disegnata finora era quella del maestro concertatore