Verxi el menu prinsipałe

Candela soversiva!

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Candela soversiva!
1903
Edission e fonte ▼
[p. 136 modifica]
CANDELA SOVERSIVA!1


Xe passai oto giorni e sento ancora
El ribalton2 che ga provà el mio cor
Quando dal palo dela Tore, in fora,
Go visto sventolar el tricolor.

No savevo se dormo o se son sveio,
Vedevo come in sogno una realtà!
Ma tuto in t'un, cossa volè de... meio?
Una guardia me sburta3 e: — Fèsse in là!

No xe più dubio. A un conossente alora
Che iera là a do passi instupidì,
Ghe fazzo: — La xe andada in su bonora? —
A tiro. ― E mi: — Che tiro ben riussì!

[p. 137 modifica]


E la fola zo in Piazza intanto ingrossa.
Tuta la gente co' la testa in su,
Co' una man... la domanda: — Come? Cossa? —
E co' l'altra la fa: — Resta lassù! —

Capita guardie che sta in guardia e guarda
Se i fioi4 che passa i xe scandalizai:
Nostro scior deretor sora alabarda
Veder no piasi publichi scandâi!

Un lugaro5 che cala in Piazza Granda
El pensa: ― Go calado tropo in là.
E una pipa6 che un zerto odor la manda:
— No xe più afari. I me distudarà!7

E la fola se fa sempre più grossa
Tuta la gente co' la testa in su,
Co' una man la... domanda: — Come? Cossa? —
E co' l'altra la fa: — Resta lassù! —

Ma finalmente vien de tuta corsa
Una guardia... amaestrada a secession;
L'omo xe ancora in Piazza dela Borsa
Che le manete le xe za in porton!

A quatro a quatro la te fa i scalini,
E con ela se ràmpiga un pompier:
Che gusto mato tirar zo i cordini
Che cambiava la cheba8 in belveder!

[p. 138 modifica]


Straza in sequestro! — Disi el polizioto. —
Colpèvere9 mi 'desso troverò!
Ma, in quela, el vedi in parte un candeloto
Che... ridi e co' la fiama el fa de no!

— Candela disi no?... Per mi za basta,
Farò reporto nostro superior:
Candela jè colpèvere e contrasta!
Mi ce fico candela in Via Tigor!10

27 Settembre 1903.



Note
  1. Su questa graziosa poesia, che fu ripubblicata dall'autore nel suo «Marameo» dopo la liberazione dì Trieste, lasciamo la parola al poeta stesso: «Il 20 Settembre 1903, una Domenica in punto a mezzodì, fu fatto all'Austria, qui a Trieste, un bel Marameo! Con la complicità degli amici Umberto Menegazzi, Giuseppe Sandrinelli e il povero Pepi Sillani, ideai un semplice congegno: il capo di una cordicina assicurata ad un contrappeso fu legato intorno ad una candela accesa; consumatasi la candela fino al punto in cui era legata la cordicina, questa, strappata dal contrappeso, faceva salire sull'asta della Torre municipale la nostra santa bandiera tricolore che sventolò di lassù per circa un'ora. Il rinvenimento del moccolo acceso suscitò i più svariati commenti. Otto giorni dopo, pubblicai sul Gazzettino i seguenti versi»
  2. el ribalton, il sussulto
  3. me sburta, mi spinge.
  4. i fioi, i ragazzi
  5. lugaro, lucherino, ma in senso figurativo; dal popolo triestino si dicono lugari i tedeschi
  6. una pipa ecc., allusione agli sloveni, causa l'accento, in forma di pipa, che l'ortografia slava vuole sia posto su parecchie consonanti dei loro vocaboli
  7. i me distudarà, mi spegneranno
  8. cheba, gabbia.
  9. colpèvere, idiotismo, per colpevole
  10. mi ce fico candela in via Tigòr, via Tigor era la strada delle carceri. Con questi versi è imitato scherzosamente il barbaro modo col quale le guardie austriache maltrattavano la nostra povera lingua. Ed è satirizzata anche la loro mentalità. Mi ce fico candela in via Tigòr, vuol dire: «caccio agli arresti la candela perchè essa è la colpevole».