Verxi el menu prinsipałe

L'Autuno al me paese

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
L'Autuno al me paese
1914
←  San Nicolò Edission e fonte ▼ La vendemia dopo el Rosario  →
[p. 173 modifica]
L'AUTUNO AL ME PAESE
[p. 174 modifica]


NOTA


L'«Autuno al me paese» e la susseguente poesia: «La vendemia dopo el Rosario» hanno per modesto ispirato teatro campagnolo i paesi ed i poggi che rallegrano con le loro armonie, l'ingresso autunnale nella Val Pantena (valle di tutti gli dei) e specialmente nel territorio di Poiano, Quinto e Santa Maria delle Stelle — alle porte di Verona. — L'A. nella sua giovinezza vi passò qualche periodo di villeggiatura.

*
* *

La Madonna del Rosario, che ricorda la vittoriosa battaglia di Lepanto, scade la prima domenica di Ottobre ed è molto onorata di processioni e di feste nell'alto Veronese ed in città nella magnifica chiesa di Sant'Anastasia.




[p. 175 modifica]
L'AUTUNO AL ME PAESE!1



I.

Eco Autuno! — Zò el sipario,
che i paroni i séra i conti —
Le servete da salario,

(dure e stagne
5come un saco de castagne)

le sfagota via da i monti...

Do campane: Mina e Mena,
le parecia la novena
del Rosario.
 
10Otobre, Otobre te sì un gran bel mese,
ma bisogna passarlo al me paese.

[p. 176 modifica]


II.

Sì — de giorno el sol ne ciama,
ma, la sera, a tempo e logo
co le man contro la fiama

(rosse, ardente
5che le par fin trasparente)

se sta alegri, incosto2 al fogo...

— Ohe, castalda, Mina, mena
la polenta par la çena
de la gente...3

10«Quatro mortadelete ben destese,4
ma ghe vol i porçei5 del me paese!»

[p. 177 modifica]


III.

Quante lodole sul passo,
tra el bagnado de la frasa!6
Quanti pìtari7 in t'el lasso!
 
(Cori, cori,
5tuti quanti cassadori,
con le vis-cie e co la stasa)8

Do çivete: Mina e Mena,
le tradisse a pansa piena
de pantasso.9
 
10«Un bel rosto de osei tiradi a spedo,
polentina te vedo e no te vedo!»

[p. 178 modifica]


IV.

La vendemia bianca e rossa
ciama fórbese e cantári
co i boari e la tinossa.10
 
(Le vilote,
5che fa el giro de la note,
le tien caldi i fogolari).

Do paesane: Mina e Mena,
col so moro11 a la cadena
le scartossa...

10«Otobre, Otobre te sì un gran bel mese,
ma bisogna passarlo al me paese!»



Note a cura de l'autor
  1. Per nozze Natale Gramola — Olga Fontana — Schio (23 Aprile 1914).
  2. incosto: di faccia
  3. gente: la gente della fattoria
  4. destese: aperte
  5. porçei: maiali
  6. frasa: rugiada brinosa
  7. pìtari: pettirossi
  8. Nel senso ironico.
  9. pantasso: frattaglia per le civette
  10. tinossa: tino
  11. Nel senso di innamorato, schiavo dell'amore.